Mostrando post taggati quote.
x
Ask me anything   My name is Lorenzo, 26years old, Italian, from Naples and this Mal'ore (in italian 'malore' means 'unease' but 'ma l'ore' means 'yet the hours') is my world of images, poetry, boys, film, music, art, fashion and humor.
I can (re)blog only those things have affected my memory or my heart, or just hit me.

"Why do beautiful songs make you sad?’
‘Because they aren’t true.’
‘Never?’
‘Nothing is beautiful and true."

Jonathan Safran Foer, Extremely Loud and Incredibly Close.

"E perché le belle canzoni ti rattristano?"
"Perché non sono vere.""Mai?""Niente è bello e vero."

— 1 mese fa con 4 note
#Extremely Loud and Incredibly Close  #Jonathan Safran Foer  #2005  #2000's  #book  #quote 
"In bed that night I invented a special drain that would be underneath every pillow in New York, and would connect to the reservoir. Whenever people cried themselves to sleep, the tears would all go to the same place, and in the morning the weatherman could report if the water level of the Reservoir of Tears had gone up or down, and you could know if New York is in heavy boots."

Jonathan Safran Foer, Extremely Loud and Incredibly Close

Quella sera, a letto, ho inventato uno scarico speciale da mettere sotto tutti i cuscini di New York, collegato al laghetto del Central Park. Ogni volta che qualcuno si addormentava piangendo, tutte le lacrime sarebbero finite nello stesso posto e poi al mattino al bollettino meteo avrebbero detto se il livello delle acque del Laghetto era salito o sceso, così la gente poteva sapere se le scarpe di New York erano pesanti.

— 1 mese fa con 5 note
#2005  #Jonathan Safran Foer  #book  #quote  #2000's 
"Ora penso che sia bizzarro associare, o addirittura considerare simili, una cosa che taglia e una cosa che può essere tagliata, ma comunque mi sembrava così. Però, a pensarci bene, forse nella testa di una bambina tutto ciò non doveva essere molto strano: il pene mi faceva paura e dove sei tagliato con le forbici, ma una cosa che faceva paura doveva assomigliare alle forbici."
      Musica (音楽 -Ongaku), Yukio Mishima. 1965.
— 3 mesi fa con 3 note
#Musica  #音楽  #Ongaku  #Yukio Mishima  #1960's  #book  #quote 
"

Quand’ero piccola stavo giocando con altri bambini davanti al deposito della casa di Shun, e uno di loro venne con delle forbici e disse: “Giochiamo a morra cinese, e a chi perde glielo tagliamo”. Io ero l’unica bambina e fui la prima a perdere. Shun sì impietosì e disse di smetterla, ma il bambino con le forbici non era d’accordo. Io piangevo a dirotto ma a loro non importava niente, e tutti insieme mi tennero ferma e mi abbassarono le mutandine. Allora il bambino cattivo, tenendo premuto sulle mie cosce il freddo ferro delle forbici (Ah! Ancora adesso ricordo quella ripugnante, paurosa sensazione), con una mano frugò attentamente il mio corpo e poi disse: “Ma qui non c’è niente. Tu perdi sempre, tel’hanno già tagliato, vero?” Così tutti insieme mi presero in giro canterellando: “Perdi, perdi, perdi sempre. Tanto, tanto, tanto tempo fa te l’hanno tagliato e non ti cresce più”. La rabbia e la paura di quel giorno rimasero dentro di me per molto tempo. Pensavo spesso di andare in giro di notte, con le forbici nascoste sotto il vestito, per tagliarlo a ognuno di loro mentre dormiva.

"
Musica (音楽 -Ongaku), Yukio Mishima. 1965.
— 3 mesi fa con 3 note
#音楽  #Musica  #Yukio Mishima  #Ongaku  #book  #quote  #1960's 
"Dottore, perché non sento la musica?"
Musica (音楽 -Ongaku), Yukio Mishima. 1965.
— 3 mesi fa con 2 note
#Musica  #Yukio Mishima  #Ongaku  #音楽  #book  #quote  #1960's 
"Una donna deve essere sensuale e trovare nel sesso la gioia totale, la libertà non può che cominciare da questa esperienza."
Musica (音楽 -Ongaku), Yukio Mishima. 1965.
— 3 mesi fa con 2 note
#音楽  #Ongaku  #Musica  #Yukio Mishima  #book  #quote  #1960's 
"

La metafora usata dalla ragazza era troppo semplice, come d’altronde la sua interpretazione, e non mi convinceva affatto. Lei sosteneva che l’aver detto di non sentire la musica era una bugia, ma era davvero così? La musica era soltanto un elegante simbolo dell’orgasmo? Oppure fra la “musica” di cui parlava la ragazza e l’orgasmo che desiderava così fortemente intercorreva un complesso rapporto simbolico?

[…]

Ripensavo alle parole di Reiko, “Dottore, perché non sento la musica?” La ragazza mi aveva mentito, ma quanto era ironica quell’espressione, e quanto appropriata, per indicare il male che affligge gran parte dell’umanità contemporanea.

"
Musica (音楽 -Ongaku), Yukio Mishima. 1965.
— 3 mesi fa con 5 note
#Yukio Mishima  #Musica  #quote  #book  #1960's  #Ongaku  #音楽 

"A Descent into the Maelström" is a short story by Edgar Allan Poe. Harry Clarke’s 1919 illustration for "A Descent into the Maelström"
Io non riuscivo a distinguere nulla a cagione di una fitta nebbia che avvolgeva le cose, sulla quale era sospeso un magnifico arcobaleno, simile a quel ponte stretto e pericolante che, secondo i musulmani, costituisce l’unico passaggio fra il tempo e l’eternità.

"A Descent into the Maelström" is a short story by Edgar Allan Poe. Harry Clarke’s 1919 illustration for "A Descent into the Maelström"

Io non riuscivo a distinguere nulla a cagione di una fitta nebbia che avvolgeva le cose, sulla quale era sospeso un magnifico arcobaleno, simile a quel ponte stretto e pericolante che, secondo i musulmani, costituisce l’unico passaggio fra il tempo e l’eternità.

(Fonte: andmymouthisanhourglassofblood)

— 5 mesi fa con 4 note
#Harry Clarke  #1910's  #art  #modern art  #Illustration  #book  #quote  #Edgar Allan Poe  #A Descent into the Maelström 

Dino Buzzati, Quando nella nebbia della città passa il decrepito fiacre con dentro qualcosa che biancheggia, da Poema a Fumetti, 1967

Dino Buzzati, Quando nella nebbia della città passa il decrepito fiacre con dentro qualcosa che biancheggia, da Poema a Fumetti, 1967

(Fonte: andmymouthisanhourglassofblood)

— 5 mesi fa con 14 note
#Dino Buzzati  #1960's  #Illustration  #graphic novel  #Poema a Fumetti  #book  #quote 
"Un’anima immortale, ma perché? Desiderio assolutamente stolto! È molto più tranquillante sapere che dopo la morte si diventa spuma sul mare [… ]."
Thomas Mann, Doktor Faustus. Das Leben des deutschen Tonsetzers Adrian Leverkühn, erzählt von einem Freunde.
[Doctor Faustus. La vita del compositore tedesco Adrian Leverkühn, narrata da un amico]. 1947
— 7 mesi fa con 1 nota
#Thomas Mann  #1940's  #quote  #book  #Doctor Faustus